I pronostici del secondo turno (Western Conference)

La resilienza di un Chris Paul stellare e di un Donovan Mitchell alla consacrazione assoluta, hanno ritardato la formazione degli incroci relativi alle semifinali di Conference ad ovest. Ed è stato decisamente un bene, perché vivere due gare 7 in un primo turno generalmente dalla rapida conclusione, è un valore indiscutibile all’interno di questa edizione atipica dei playoffs.
Come fatto precedentemente per l’alta costa statunitense (strutturalmente parlando, visto che come sappiamo si gioca tutto ad Orlando), ecco due rapidi commenti (con pronostico) relativi alle sfide che ci troviamo di fronte.

Los Angeles Lakers vs Houston Rockets
Passiamo quindi alla Western Conference, con uno degli incroci più attesi di inizio stagione. Confermatissimo a livello di curiosità, dopo l’ultima trade deadline (si, lo so, sembra passata una vita).
Da una parte abbiamo lo small ball di D’Antoni (e Morey), basato su un contorno semi anonimo attorno alla coppia formata da Westbrook e Harden.
Dall’altra, la coppia sulla carta più dominante della lega, con un supporting che sta litigando con le percentuali da dietro l’arco da inizio anno (alla quale, un 3 and D come Covington avrebbe fatto decisamente comodo).
I Lakers sono forti di una difesa che solitamente trascina il gruppo, spesso dipendente dallo strapotere fisico di James e dalla versatilità i Anthony Davis. Ma quanto può esser complesso organizzarsi contro un attacco inedito come quello dei Rockets?
A parte le attenzioni particolari da riversare sui singoli (lasciamo perdere Harden, ma i losangelini non hanno nessuno capace di seguir Westbrook nelle sue zingarate), come si può limitare un avversario che abusa del tiro pesante, soprattutto se in giornata positiva?
Sicuramente Vogel dovrà definitivamente provare AD da 5 in avvio di gara, dimenticandosi almeno per questa serie i due lunghi in campo contemporaneamente. Affidandosi maggiormente agli esterni, soprattutto nel “lato meno spettacolare del gioco”, dove Caruso e Kuzma saranno decisivi per voglia di applicarsi e potenziale.
Magari non si tratterà di una serie memorabile a livello qualitativo, ma sicuramente curiosa da analizzare, per quanto mi appaia impossibile che i Rockets riescano a vincere 4 partite su 7, dipendendo dalla qualità dei tiri (che in quantità non mancheranno ovviamente).
Pronostico i Lakers addirittura in 5, ma dipenderà molto da gara 1 e dall’inerzia che prenderà la serie. Dovesse spuntarla Houston – e caricarsi di conseguenza – potremmo vedere gli equilibri immediatamente rovesciati, rendendo l’incrocio imprevedibile.

Los Angeles Clippers – Denver Nuggets
I Clips hanno atteso serenamente il verdetto di gara 7 tra Denver e Utah, divenuta da subito una sfida personale tra Murray e Mitchell (che onestamente hanno dato uno spettacolo ai limiti dell’inedito al primo turno, seppur Jokic abbia deciso gara 7).
Leonard e compagni erano probabilmente consapevoli di poter superare agilmente entrambe le squadre, mentre eliminavano un eroico Doncic, incapace di trascinare la serie oltre la sesta partita da solo, con Porzingis out per infortunio.
La profondità ed i valori dei Clippers sono indiscutibili, anche nel lato difensivo del campo, e né il Murray stellare visto al primo turno, né Jokic, possono sperare di impensierire i ragazzi di Doc Rivers. Che ad oggi hanno dovuto far a meno di Beverly e sostanzialmente di Harrell (ancora lontano da una forma sufficiente), con un George offensivamente impreciso (per usare un eufemismo).
I Nuggets dovranno provare a far valere un roster comunque profondo, sostenuto dal rientro recente di Gary Harris. Michael Porter Jr rappresenterà l’incognita capace di determinare parziali a favore o a svantaggio, considerando la limitata esperienza, le difficoltà difensive e la tendenza a perdersi da subito quando in giornata negativa. Harrell e Zubac dovrebbero riuscire a limitare il talento di Jokic, mentre Murray non avrà vita facile con gli esterni difensivi dei Clips, che sulla carta vincono ogni confronto a livello di pari ruolo.
Temo uno sweep a vantaggio dei favoritissimi all’anello, li pronostico al successo con 5 partite regalando così il beneficio del dubbio ai Nuggets. Ma non li vedo in grado di incidere per più di un episodio, purtroppo per loro. Già hanno fatto un miracolo ad arrivare fin qui, rientrando da un 3 a 1 che avrebbe spezzato le gambe a chiunque, e sicuramente uscendone malconci in materia di dispendio energetico.