Brooklyn Nets-Philadelphia 76ers, primo snodo stagionale

Questa notte al Barclays Center di Brooklyn andrà in scena un match alquanto importante e significativo, tra i neroargento, che come sappiamo hanno allestito un roster per puntare al titolo affidando la squadra nelle mani di Steve Nash e Mike D’Antoni, e i Philadelphia 76ers, i quali con l’arrivo di Doc Rivers in panchina sono riusciti a far coesistere Ben Simmons e Joel Embiid e ad oggi possiedono il miglior record della lega, con 7 vittorie su 8 incontri disputati. Andiamo ad analizzare in ogni suo aspetto la partita e quello che dovremmo aspettarci

CAMMINO FINO AD OGGI

I Brooklyn Nets sono scesi in campo fino a questo momento per 8 volte, ottenendo 4 vittorie al fronte di altrettante sconfitte. Hanno giocato quasi sempre al Barclays Center, vincendo 3 gare sulle 6 disputate tra le mura amiche, mentre in trasferta sono arrivate una vittoria e una sconfitta

Come ben sappiamo, i neroargento hanno aperto la stagione regolare NBA battendo i Golden State Warriors per 125-99, imprimendo al match un ritmo deciso fin da subito. Pochi giorni dopo è arrivata la vittoria sul difficilissimo campo di Boston contro dei Celtics alquanto agguerriti e pericolosi. Alla fine ha prevalso la maggior esperienza di Durant & Co

Da quel momento più dolori che gioie, in quanto sono arrivate sconfitte contro squadre non irresistibili, come gli Charlotte Hornets o i Memphis Grizzlies. Dopodichè c’è stato il back to back contro gli Atlanta Hawks, che ha visto la seconda squadra della grande mela vincere in prima battuta(145-141) per poi cedere di schianto il giorno dopo(114-96). Infine, brucia la sconfitta contro i Wizard per 123-122, con Irving e Durant che non riescono a sfruttare a dovere l’ultimo possesso, sbagliando una tripla il primo e un canestro da 2 il secondo, entrambi a pochi secondi dalla sirena, e trovandosi così in una situazione difficile

Quindi la lega ferma Durant per una settimana, causa protocollo Covid, e i Nets scendono in campo privi della propria stella contro gli Jazz. No problem, i mormoni sono stati battuti nettamente per 130-96

I 76ers invece arrivano a questa partita con un percorso quasi netto e forti della miglior difesa dell’intera Lega. Al debutto sono stati battutti i Wizard di Westbrook e Beal per 113-107, dopo esser stati sotto per 3/4 di partita, alla fine la squadra di Rivers è riuscita a rimontare e a portarsi a casa il successo

Successivamente si è vinto in maniera abbastanza netta al Madison Square Garden di New York contro i Knicks per 109-89. La terza gara, senza Joel Embiid, è finora l’unica sconfitta della franchigia fino a questo momento, che senza il centro di origine camerunese cede per 118-94

Da questo momento, solo vittorie, contro Toronto(100-93), ad Orlando, su un campo difficilissimo contro una squadra partita molto bene e con un Nikola Vucevic in formissima(116-92), e per finire il back to back contro gli Hornets di MJ(127-112 prima, 118-101 due giorni dopo) e il successo ad alto punteggio della scorsa notte nuovamente contro Washington(141-136)

LEADER DI SQUADRA

Per i padroni di casa il leader emotivo e tecnico è sicuramente Kevin Durant, il quale però, come già detto, non prenderà parte al match. Allora il peso dell’attacco ricadrà quasi interamente sulle spalle di Kyrie Irving, il quale ha preso parte a 7 partite su 8 e viaggia ad una media di 27.1 punti, 5.3 rimbalzi e 6.1 assist in 33 minuti di impiego a partita, con il 50.4% da campo, il 42.6% da 3 punti e il 100% ai liberi

L’ex point guard dei Cavs verrà supportato dai cosiddetti comprimari. Senza Spencer Dinwiddie, che starà ai box per tutta la stagione causa rottura del legamento crociato, il compito di secondo violino spetterà probabilmente a Joe Harris(13.4 punti, 3.6 rimbalzi e 1.5 assist in 28.7 minuti sul parquet per 8 partite), mentre sotto canestro comanda Jarrett Allen(10.8 punti, 11.6 rimbalzi e 0.9 assist in 24 minuti di impiego per 8 partite)

Tra le fila degli ospiti, il leader indiscusso è sicuramente il sopracitato Joel Embiid, il quale viaggia alla bellezza di 25.3 punti, 11.7 rimbalzi e 3.3 assist in 32.6 minuti di impiego a partita per 7 partite, con il 52.8% dal campo, il sorprendente 40.9% dall’arco e l’83.6% dalla lunetta

Il centro proveniente da Kansas verrà coadiuvato dalla regia di Ben Simmons(13.8 punti, 9.4 rimbalzi e 7.6 assist in 32.8 minuti per 8 partite) e dalle mani calde di Seth Curry(17 punti, 2.3 rimbalzi e 3.6 assist in 30 minuti per 8 partite) e di Tobias Harris(19.3 punti, 7.9 rimbalzi e 3 assist in 32.6 minuti per 8 gare)

PRONOSTICO

Questa partita potrebbe tranquillamente riproporsi ai playoff, magari in semifinale e in finale di Conference, dove sicuramente i Nets sarebbero avvantaggiati vista la maggior esperienza e il vantaggio di avere nel proprio roster 2 clutch player. Ma questi non sono i playoff e uno di questi due uomini decisivi dei Nets questa notte non ci sarà.

Visto il momento di forma di entrambe, con i neroargento ancora in rodaggio e che faranno riposare le proprie stelle in RS e i 76ers nel pieno delle loro forze, con un Embiid parzialmente lontano da Twitter e un Simmons ben assestato all’interno di un meccanismo pieno di giocatori perimetrali sotto la guida di uno dei migliori coach della lega, i miei personali e modestissimi favori del pronostico vanno a favore dei biancoblu

La differenza potrebbe farla soprattutto l’assenza di Kevin Durant, il che renderebbe le ali di Phila molto più libere di muoversi e pronte a macinare punti. E si da il caso che le due ali siano Danny Green, sempre molto criticato da chiunque ma realmente utilissimo ed efficacissimo in qualsiasi piazza vada(non a caso ha vinto 3 anelli con 3 franchigie diverse da protagonista o co-protagonisa), e Tobias Harris, il quale ha trovato una forma pazzesca che porta a reputare “meno grave” la pazzia che fece un paio d’anni fa la società firmandolo a cifre spropositate

Si tratta sempre di basket e di NBA, per questo i pronostici lasciano il tempo che trovano, ma intanto godiamoci questo grande spettacolo aspettando la palla a 2, in programma questa notte alle ore 1:30 italiane in diretta su Sky Sport NBA