Preview griglia playoff

Oltre i consueti riassunti della notte NBA, quest’oggi ho deciso di sbilanciarmi condividendo con voi quelle che secondo me saranno le classifiche delle due conference a fine regular season. Premetto che non pronosticherò il record di ogni singola franchigia, ma solo la posizione in graduatoria al termine della stagione. Sono pronto a prendermi tutti gli insulti perché puntualmente non azzeccherò nemmeno una posizione :))) Detto questo, direi di partire subito

EASTERN CONFERENCE

15) Detroit Pistons

Credo che la maggior parte di voi sia d’accordo con me. I Pistons hanno mostrato evidenti lacune in questo avvio, Blake Griffin non è più quell’atleta esplosivo di qualche anno fa e i trascinatori della squadra sono diventati Jerami Grant e Killian Hayes. Peccato che il rookie si sia infortunato e debba rimanere lontano dal campo per circa due mesi. Sta di fatto che il talento a disposizione di coach Casey è davvero infimo e difficilmente si può puntare a far meglio di qualcun’altro

14)Charlotte Hornets

Per quanto la squadra di Michael Jordan stia andando abbastanza bene per quelle che erano le aspettative(record poco superiore al 40%), c’è da dire che le altre franchigie sono più attrezzate per far meglio di loro. Escluso Gordon Hayward, non c’è un giocatore capace di trascinare la squadra e nonostante la presenza di un discreto core, non credo possano essere poi così sorprendenti. Molto dipenderà da come inciderà il più piccolo del fratelli Ball, che se iniziasse a tirare bene, soprattutto dalla lunga, potrebbe far scalare qualche posizione alla squadra di coach Borrego

13)Chicago Bulls

Qua probabilmente mi espongo già al primo rischio. I Chicago Bulls hanno iniziato abbastanza bene la stagione, trascinati da un LaVine che sembra essere giunto alla definitiva consacrazione. Si vocifera di un interesse dei Warriors per lui, e ovviamente da questa possibile trade passa il destino dei rossoneri. Trade a parte, non vedo nessuno capace di affiancare LaVine o semplicemente di essere la sua spalla destra, nemmeno quel Lauri Markkanen arrivato in NBA con tutti gli occhi del mondo addosso dopo aver disputato un signor europeo con la Finlandia nel 2017. Staremo a vedere, ma non la vedo così rosea

12)Washington Wizard

Eccoci arrivati a quella che probabilmente sarà la prima delusione stagionale. I Wizard erano partiti con gradi ambizioni dopo l’arrivo di Russell Westbrook, ma il problema principale è rappresentato inevitabilmente dalla difesa. Ad un abile attaccante ma abbastanza povero difensivamente quale Bradley Beal, si è andato ad aggiungere un giocatore molto simile, più atletico ma meno efficace in fase di realizzazione. Se hai un giocatore che viaggia a 34.5 punti di media ma hai perso 9 partite su 12, beh, fatti due domande……….

11)New York Knicks

Ai piedi dei playin piazzo loro, autori di un avvio sorprendente sotto ogni punto di vista e al di sopra di ogni più rosea aspettativa. Coach Thibodeau sembra aver trovato finalmente la quadra, che può condurre questi Knicks finalmente lontano dagli ultimissimi posti nella Eastern delle passate stagioni. Tutto dipenderà dalla tenuta più che altro mentale della squadra della grande mela, che secondo me rimarrà fuori dai playin per un soffio. Sono però curioso di vedere quello che sarà l’impatto sul roster e sulla lega di Obi Toppin, finora poco coinvolto causa infortuni che lo hanno costretto a restare lontano dal parquet per diverso tempo

10)Cleveland Cavaliers

La vera sorpresa di tutta la lega sono probabilmente loro. Trascinati dal duo Sex-land che finalmente ha trovato la maturità necessaria e da un Andre Drummond sempre più leader, i Cavs sono in piena lotta playoff. Un punto a favore, che potrebbe far svoltare la stagione, è il modo e il tempismo con cui sono entrati nella trade che ha portato James Harden ai Brooklyn Nets, riuscendo ad accaparrarsi Jarrett Allen, grande promessa ma già ora molto incisivo, e Taurean Prince, che ha ben iniziato in questa stagione. Staremo a vedere cosa porteranno le future trade, visto che si vocifera di un addio di Love, Drummond e/o McGee

9)Orlando Magic

Il secondo posto nei playin lo assegno agli Orlando Magic. Partiti a razzo, adesso stanno ridimensionando quelle che sono le reali ambizioni e il reale obiettivo, ossia un possibile piazzamento tra il settimo e il decimo posto. Il trascinatore è sicuramente Vucevic. Nonostante le super prestazioni del montenegrino, credo che il grande problema della franchigia della Florida siano i passaggi a vuoto che caratterizzano ogni match e che fanno perdere talvolta tante partite alla squadra di Clifford. Perciò non posso piazzarli più in alto anche se il potenziale per fare molto meglio c’è tutto

8) Toronto Raptors

Nonostante una falsa partenza, non riesco a pensare a dei Toronto Raptors fuori dai playin e in generale dai playoff. Siakam e compagni non sono più la squadra del titolo nè tantomeno quella dello scorso anno, che vedeva arruolati 2 pezzi fondamentali come Gasol e Ibaka. Ma rimangono sempre giocatori funzionali al progetto, da Siakam ad Anunoby passando per Lowry e VanVleet. Vedremo se sapranno sorprenderci anche quest’anno

7)Atlanta Hawks

C’erano delle aspettative elevate sulla squadra di Pierce, e tutto sommato possiamo dire che il valore del roster rispecchia alla grande quelle che erano e sono tutt’ora le attese. Da un Trae Young trascinatore a un Capela dominatore, nel mezzo tanti giocatori funzionali come Collins, Huerter, Hunter e il Gallo. E non ci scordiamo di Rondo eh…… Insomma, i playoff sono abbondantemente alla portata, e occhio anche a un qualcosa in più. Tuttavia, li vedo inferiori alle 6 regine dell’est

6)Miami Heat

Fa male vedere i vicecampioni uscenti così in basso. Ma la realtà dei fatti è che in regular season ci sono squadre probabilmente più pronte per lottare ai vertici della conference. Tuttavia, dopo l’esperienza maturata lo scorso anno, ai playoff sono capaci di battere chiunque. E deve ancora rientrare Butler

5)Indiana Pacers

Sorprendente il loro inizio di stagione, trascinati da un Sabonis in stato di grazia e da un Brogdon top scorer assoluto. Dopo aver ceduto Oladipo, è arrivato LeVert, che purtroppo è alle prese con un infortunio cartilagineo abbastanza serio. Sta di fatto che quando rientrerà anche lui, i Pacers potranno tranquillamente restare nelle parti alte della Eastern. L’upgrade però deve arrivare per forza di cose ai playoff, nonostante il livello si sia alzato notevolmente

4)Brooklyn Nets

Sono rimaste solo 4 squadre, quindi per forza di cose bisogna fare delle scelte e prendersi dei rischi. E la mia scommessa è questa, piazzare i Brooklyn Nets abbastanza in basso per quelle che sono le aspettative legittime su di loro. Sono del parere che soprattutto in regular season potrebbero esserci delle difficoltà, in quanto il roster è corto e si tenderà a far riposare molto le tre stelle per averle in forma smagliante in post season. Inoltre, se non ci saranno trade finalizzate ad allungare il roster e puntellare la difesa, il rischio concreto di un quarto posto c’è

3)Boston Celtics

La squadra di Stevens è arrivata all’anno della consacrazione. Tatum e Brown sono più responsabili e decisivo, Kemba Walker è un terzo violino non male e sotto il ferro si è aggiunta forza fisica ed esperienza con Tristan Thompson. Li vedo meglio dei Nets in regular seaso perchè hanno molta più difesa e sembrano veramente non sbagliare una partita. Anche qui l’incognita principale è la lunghezza del roster, ma si vedrà alla fine. Che sia l’anno buono??

2)Philadelphia 76ers

Al secondo posto ci metto la squadra allenata da Doc Rivers. Con un Embiid così decisivo e possibile candidato all’MVP e un roster complementare al centro proveniente da Kansas, si possono fare grandi cose. C’è tutto, la difesa, il tiro dalla lunga, quello che porta palla in transizione e il dominatore otto le plance. Se Simmons sapesse tirare sarebbero da anello, senza dubbio. Li ho messi secondi solo perchè davanti a loro ho posizionato la squadra con il miglior record negli ultimi 2 anni

1)Milwaukee Bucks

E al primo posto troviamo la squadra di Budenholzer, che si è rafforzata con l’arrivo di Holiday a fare da terzo violino a Giannis e Middleton. Sono una squadra da regular season e hanno anche una panchina bella corposa. Gli unici dubbi su di loro riguardano il loro rendimento ai playoff, dove arrivano sempre da favoriti e puntualmente steccano in malo modo. Sarà il loro anno?? In regular season, credo di si

WESTERN CONFERENCE

15)Sacramento Kings

Per quanto siano partiti leggermente bene, sono del parere che nel corso della stagione crolleranno. Il potenziale c’è, il gioco anche, ma per quello che ho visto fino ad ora posso dire che vederli arrivare in fondo alla conference non sarebbe poi un’ipotesi così remota

14)Oklahoma City Thunder

La maggior parte di voi se la spettava ultima, e invece io do loro una possibilità. Sia chiaro, arrivare ultimo o penultimi non cambia molto(se non in ottica draft 2021), ma li vedo superiori ai Sacramento Kings in quanto questo sarà l’anno dell’esplosione di Shai Gilgeous-Alexander e anche Al Horford può dare una mano all’ex squadra di KD

13)Minnesota Timberwolves

Fa male, fa tanto male vederli così in basso per quello che è il talento a loro disposizione. Dopo anni di prime scelte al draft, sembrava dover essere l’anno della svolta in quel di Minneapolis, e invece nonostante la presenza di Towns, Russell, Beasley e della prima scelta dell’ultimo draft Edwards, non sembrano poter competere con le contendenti ai playin. Posso dirlo con convinzione, è davvero un peccato e spero di essere smentito, perchè vedere questa squadra lottare per le posizioni bassissime da fastidio a qualunque amante di basket

12)Memphis Grizzlies

Questo potrebbe essere un grande rischio che mi prendo. La squadra è molto giovane ed è guidata da un ragazzo al secondo anno in NBA, Ja Morant. Dopo aver sfiorato i playoff nella scorsa stagione, sono partiti con ancor più convinzione ma credo che alla fine possano cedere il passo alle formazioni più attrazzate di loro per competere per la post season

11)New Orleans Pelicans

Stesso discorso fatto precedentemente per i T’wolves, vedere anche loro nelle zone basse della conference solo perchè troppo discontinui da fastidio. Una squadra con giocatori del calibro di Zione Ingram dovrebbe come minimo puntare ad un posto tranquillo nei playoff. Il caso ha voluto che siano capitati in una delle Western Conference più livellate verso l’alo di sempre, ma il loro(purtroppo negativamente) ce lo stanno mettendo

10)San Antonio Spurs

Dopo aver mancato i playoff per la prima volta in 22 anni la scorsa stagione, gli Spurs sono tornati alla carica e grazie ad un roster abbastanza competitivo, oltre che al coach migliore di sempre, possono giocarsi l’accesso ai playoff ma non direttamente, in quanto ci sono squadre messe meglio. Murray, DeRozan, Poeltl e tanti altri a formare questa squadra che punta al ritorno, seppur difficile, in post season

9)Houston Rockets

La franchigia texana ne esce sicuramente indebolita dalla trade Harden, ma si è liberata di un fardello molto pesante e ha aggiunto ad un roster già esperto e competitivo Victor Oladipo, che se non dovesse accusare infortuni potrebbe essere un gran fattore per arrivare ai playoff. I vari Wall, Cousins e appunto Oladipo, insieme al resto della squadra, possono tranquillamente regalare a coach Silas la post season. C’è però da rimediare a questa falsa partenza che li ha contraddistinti

8)Portland Trail Blazers

Sono stato indeciso fino all’ultimo su di loro. Sono una squadra molto forte ed esperta, ma potrebbero accusare le assenza prolungate in questo periodo di Nurkic e Cj McCollum, entrambi infortunati per diversi mesi. Con loro al massimo, non sarebbe stato utopistico vederli ancora più in alto. Staremo a vedere di cosa sarà capace Dame Lillard

7)Golden State Warriors

Nonostante non siano più quelli della dinastia, c’è da evidenziare il grande lavoro di Steve Kerr, che nonostante l’assenza di Klay Thompson sta cercando di costruire ugualmente la squadra intorno a Steph, affiancandogli un gran difensore come l’orso ballerino Green e un grandissimo attaccante, tutto da migliorare, come James Wiseman. Li vedo da playin senza troppe difficoltà

6)Dallas Mavericks

In molti li considerano addirittura da titolo, con Doncic possibile MVP. ;a io preferisco rimanere realista, e non vedo i Mavs capaci di arrivare fino in fondo. Magari ai playoff si può anche arrivare in semifinale di Conference, ma ci sono squadre più forti ed esperte. Poi, detto chiaramente, se Doncic decide che si deve vincere l’anello, si vince l’anello punto e basta. Ma la vedo dura, molto dura

5)Phoenix Suns

In molti potrebbero prendermi per eretico nel piazzare loro al di sopra dei Mavs. Ma la realtà secondo me è che i Suns con l’acquisto di Paul e Crowder hanno aggiunto al talento di Booker e Ayton quell’esperienza che serviva per fare una stagione sopra le righe. In regular season li vedo più continui rispetto ai rivali, in post season non saprei, visto anche lo score non molto positivo di CP3

4)Denver Nuggets

Al quarto posto piazzo i vicecampioni della Western Conference, trascinati da un Jokic formato MVP e candiadato molto serio per questo premio. Poi si attende la definitiva consacrazione di Jamal Murray, finora deludente, e di Michael Porter Junior, il quale potrebbe rappresentare un’ottima arma offensiva per la squadra di Mike Malone. Li vedo leggermente sotto alle altre 3 squadre rimanenti, che se ancora non avete intuito, andremo tra pochissimo a vedere

3)Utah Jazz

Chiamatelo rischio, chiamatela sorpresa, ma secondo me la squadra di Salt Lake City può davvero essere la sorpresa, nonchè mina vagante molto pericolosa di quest stagione. Si attende la definitiva consacrazione a leader e uomo franchigia di Donovan Mitchell, fresco di rinnovo al massimo salariale, così come la conferma del centro francese Gobert. Se poi ci aggiungiamo un roster funzionale, composto da giocatori capaci di segnare come Conley, allora il terzo posto a ovest potrebbe essere molto più che un azzardo o un sogno

2)Los Angeles Lakers

Datemi del pazzo, ma io credo che i Lakers non si classificheranno al primo posto nella Western. Questo perchè ci sarà una gestione molto accurata del minutaggio da concedere alle due stelle. Il roster, nonostante il titolo, è stato chiaramente rafforzato in maniera oculata, e anche quest’anno partono come legittimi favoriti al titolo. Ma in regular li vedo inferiori solo ad una squadra, che vi svelerò tra poco e vi elencherò anche i motivi

1)Los Angeles Clippers

Come avrete sicuramente capito, per me sono loro i favoriti alla vittoria della Western Conference. Dopo il fallimento della scorsa stagione, sembra che improvvisamente gli occhi non siano più puntati su di loro, e questa cosa sta facendo del bene a tutto l’ambiente ma in particolar modo a Paul George, che sta mantenendo delle medie spaventose dopo esser stato ampiamente criticato nella scorsa post season, quando gli venne accusato di non esistere nei momenti decisivi di una partita, prendendo in esame la rimonta clamorosa subita dai Nuggets. Nonostante quest’anno i livello sia cresciuto a dismisura, credo e spero che la finale di conference possa essere il derby tra le due losangelene. Ma ve li immaginate Kawhi e James a giocarsi una gara 7 per andare alle Finals???

Questo è il mio power ranking e come vedo le 2 classifiche a fine anno, l’obiettivo è quello di azzeccare almeno 10 posizioni su 30. Da tifoso dei Clippers(lo dichiaro apertamente) spero che le finals possano essere tra la mia squadra e i Boston Celtics, altra franchigia che stimo e ammiro. Solo chi vivrà saprà cosa succederà, non mi resta che salutarvi e augurarvi una buona continuazione su NBA REVIVAL ZONE